Ricordi

Ricordi

http://guide.supereva.it/case_editrici/interventi/2011/01/a-tu-per-tu-con-stefania-nardini Questo è il link di un’intervista a cui tengo molto, anche se da allora sono molto migliorata. L’affezione nasce da una serie di relazioni che la rete ha provveduto a creare, tanto che oggi ho la possibilità di collaborare con l’intervistata. Ai tempi della guida di Supereva non ero nemmeno pubblicista. Mi ero innamorata del libro della Nardini su Jean Claude Izzo e desideravo contattarla. Così ho fatto e oggi la Nardini è tra i miei punti di riferimento. Se mi volto, mi rendo conto di averne fatta di…

La lettera

La lettera

 Ciao, oggi ho immaginato che eravamo sedute  al tavolino di un caffè e mi passavi una birra. “Dio, come sei diventata noiosa” mi hai detto e poi sei scoppiata a ridere, prendendomi in giro. Avevi gli occhi grandi, espressivi, specchio dell’anima diafana che respira nei tuoi gesti, e risplende della vita che ti attraversa con potenza. Sorseggiavi calma, perfettamente a tuo agio, come se mi conoscessi da sempre. Poi hai appoggiato la bottiglia sul tavolo e mi hai fissato, quasi a chiedermi ma insomma questa che vuole? No, non me…

Fonte di vita

Fonte di vita

So che puoi sentirmi. Ti cerco nel silenzio dell’ora più buia rischiarata da una pallida luna d’estate. Volge a noi il suo sguardo malinconico e nel suo abbraccio ci attraversano gli odori, i pensieri, i sogni. Ci costruirà un letto nei recessi di luce perché è nella luce la nostra dimora, faro per le insolute verità dell’amore, che è mistero e all’occorrenza vanto.