L’odore dei libri

L’odore dei libri

Sono rimasta sorpresa quando ho scoperto che a due passi da casa mia c’è un rivenditore Einaudi. Non è una libreria, ma un fornitore. Ho bussato, sono entrata e ho comprato “I mandarini” di Simone de Beauvoir. Il commesso, sulla sessantina, mi ha scambiato per una liceale e pensava che il libro me lo avessero consigliato a scuola. “Un libro un po’ tosto” mi ha detto. Io ho riso, spiegandogli che ho 28 anni e che quel libro non me l’ha consigliato proprio nessuno. “Sono le mie letture” ho replicato…

A brandelli

A brandelli

Amo in te/ l’avventura della nave che va verso il polo/amo in te/ l’audacia dei giocatori delle grandi scoperte/amo in te le cose lontane/amo in te l’impossibile/entro nei tuoi occhi come in un bosco/pieno di sole/e sudato affamato infuriato/ho la passione del cacciatore/per mordere nella tua carne. (Nazim Hikmet) Quando mi ha telefonato era agitata. Mi ha solo detto “Corri, se puoi” ed ha attaccato. Ho guidato senza mai togliere il piede dall’acceleratore, volando sulle distanze che mi separavano da casa di Lisa. Avevo le chiavi, me ne aveva fatto…

Parigi 1979

Parigi 1979

  Cara Simona, sono arrivata a Parigi da pochi giorni e ho pensato di scriverti. Non potevo più restare in Italia, perché il lavoro non mi permetteva più di sostenermi. Come procede la vita con tuo padre? Spero che di tanto in tanto tu senta la mia mancanza, anche se non ci conosciamo, anche se hai scelto di cancellarmi dalla tua memoria. Hai tutto il diritto di odiarmi, e, ti dirò, neanche mi interessa davvero. Voglio solo raccontarti di me,  e provare, per quanto possibile, a darti una spiegazione per…

Natale

Natale

Domani è la vigilia di Natale, ed inizia una settimana di feste e di tempo da dedicare soltanto a me e alle mie passioni. Leggerò, scriverò, camminerò e trascorrerò il tempo con Marco e qualche amico. Tempo di lentezza, d’introspezione, certo, ma anche di condivisione. L’anno scorso, di questi tempi, ero stanchissima e anche un po’ insoddisfatta. Col tempo, sono riuscita quanto meno a cambiare quello che non mi piaceva e che mi faceva stare male. Oggi mi sento più serena. Sento che il divario tra il mio mondo e…

George Gray

George Gray

Molte volte ho studiatola lapide che mi hanno scolpito:una barca con vele ammainate, in un porto.In realtà non è questa la mia destinazionema la mia vita. Perchè l’amore mi si offrì e io mi ritrassi dal suo inganno;il dolore bussò alla mia porta, e io ebbi paura;l’ambizione mi chiamò, ma io temetti gli imprevisti. Malgrado tutto avevo fame di un significato nella vita.E adesso so che bisogna alzare le velee prendere i venti del destino,dovunque spingano la barca. Dare un senso alla vita può condurre a follia,ma una vita senza…

A tu per tu con Simone (La potenza della metaletteratura)

A tu per tu con Simone (La potenza della metaletteratura)

Parigi 1980 XIV Arrondissement, rue Victor Schoelchet. Simone de Beauvoir mi ha detto di aspettarla qui, nel salotto di casa sua. Eccola, arriva. Minuta, occhi mavì, e un’aria elegante, nonostante l’età. Si avvicina e mi porge una tazza di tè. Sorride e mi dice che preferirebbe un cognac, come ai vecchi tempi. Sono  l’unica  in tutta la redazione  ad aver letto i suoi libri. Il mese scorso è morto Jean Paul Sartre e questa donna, davanti a me, appare composta nella gravità del suo dolore. Si vocifera che stia lavorando…

Di ritorno

Di ritorno

Per tre giorni non ho navigato su internet, non ho visitato i miei siti e blog preferiti, non ho scritto e non ho spalancato la mia finestra sul mondo.  Sono stata impegnata con gli esami di abilitazione alla professione di avvocato: dopo due anni sofferti di pratica forense, tentare di accaparrarmi il titolo mi è sembrato sensato. E poi ero curiosa, lo ammetto. Curiosa di capire se questi esami sono davvero così paradossali, e devo dire che lo sono sul serio. Settemila aspiranti muniti di telefonini e agganci di ogni…