Se a La pazza gioia preferisco Ragazze interrotte

Se a La pazza gioia preferisco Ragazze interrotte
PrintFriendly and PDF

La pazza gioia, l’ultimo film di Paolo Virzì, acclamatissimo e accolto con recensioni appassionate, non mi ha convinta e sto cercando di capire perché. L’ho trovato favolistico, contrariamente a quanti l’hanno glorificato, accennando a inevitabili processi di immedesimazione, a riflessioni sulla società, sul confine labile tra salute mentale e follia. Ragionamenti che dovrebbero entrare forte nella nostra educazione, ma che, perdonatemi, non sono in questa pellicola. Un problema tra me e la narrazione del film, dunque. Incomprensibile accadimento: tuttavia i film si vivono e io ho vissuto un’esperienza che aveva…

Felici i felici…un corno

Felici i felici…un corno
PrintFriendly and PDF

Ci sono una lui e una lei. Sono marito e moglie e si trovano al supermercato per la spesa. Lui si mette in fila al banco dei formaggi, lei riempie il carrello di biscotti, cioccolata e cereali. Lui pensa che lei non sia capace di fare la spesa, lei pensa che lui non sia nemmeno in grado di comprare un pezzo di formaggio. Bisticciano in un niente. Parola dopo parola, la scaramuccia circostanziata sfugge di mano e deflagra. Lui e lei si perdono in una polemica che sa di ripicche,…

Verso il 2016: 48 verità di fine anno per la sopravvivenza

Verso il 2016: 48 verità di fine anno per la sopravvivenza
PrintFriendly and PDF

Il mio 2015 iniziava con me dalla faccia contrita e un solo pensiero: speriamo che sia migliore del 2014. Vi dirò una cosa: lo è stato. E non perché siano accaduti fatti strabilianti. Semplicemente: ho incontrato persone interessanti (che bello, ogni cinque, sei anni, capita), ho iniziato a trovare nel quotidiano, per più di un giorno, un motivo per farmi una risata, ritrovandomi a ringraziare il cielo di esserci, di esistere, di riuscire a tenere testa ad un quotidiano che sa essere abrasivo. Tutto contenendo la mia insofferenza cronica, che,…

Un anno di libri: cronaca emotiva di belle letture

Un anno di libri: cronaca emotiva di belle letture
PrintFriendly and PDF

È dicembre, ultimo mese del 2015. Che anno è stato dal punto di vista delle letture? Posso  dire senz’altro che: ho recensito meno libri mi sono domandata se sia normale che scrittori affermati facciano i critici letterari dalle colonne dei principali quotidiani italiani ho acquistato molti libri (romanzi e racconti) sulle bancarelle dei librai ho acquistato alcuni libri on line ho acquistato saggi sulla scrittura, il blogging, lo storytelling in formato e-book librerie come il Libraccio e la Coop a Bologna continuano ad esercitare su di me il loro fascino, anche…

Luca De Filippo: ciao e grazie assai

Luca De Filippo: ciao e grazie assai
PrintFriendly and PDF

Se cresci tra Napoli e provincia è probabile che certi artisti diventino parte del tuo immaginario, del tuo bagaglio culturale. Ad esempio, in casa dei miei, ci sono tre must, che se onorati, ti renderanno simpatico e ben voluto: Aver visto almeno una volta Ricomincio da tre di Massimo Troisi Saper intonare almeno un paio di pezzi di Pino Daniele Citare a menadito le battute di Natale in casa Cupiello. Ovviamente ho esasperato la situazione, ma capirete da soli quanto c’è di vero nelle mie parole. Mi spiego. Immaginate la…

Janis: il rock e un disperato bisogno d’amore

Janis: il rock e un disperato bisogno d’amore
PrintFriendly and PDF

Adesso, ragazze e ragazzi, non pensate più a niente. Prendete il cellulare o accendete il computer. Collegatevi a Internet e cercate su Youtube Maybe o Kozmic Blues di Janis Joplin. Ci siete? Bene. Fate silenzio, alzate il volume e ascoltate fino alla fine. Non è incredibile? La voce, intendo. Una voce che squarcia, lacera, scava. Esprime tutte le contraddizioni, i dolori, le malinconie del mondo. Una voce inarrivabile, unica nel panorama del rock e del soul mondiale. “Pearl” (perla) le dicevano gli amici quasi tutti maschi e musicisti. Pearl, come l’ultimo…

Lennon andava con gli uomini? Sono solo fatti suoi, Yoko

Lennon andava con gli uomini? Sono solo fatti suoi, Yoko
PrintFriendly and PDF

Dite la verità, siete fan dei Beatles e come tutti i fan dei mitici quattro (li sogniamo la notte, lo so) odiate profondamente Yoko Ono. Io non la odio (pensate, siamo nate lo stesso giorno). Anzi, ho sempre pensato che lei e John fossero una bella coppia. Una di quelle da romanzare, tant’è che Laura Gramuglia, voce di Radio Capital, l’ha scelta tra le storie d’amore per il suo mitico “Rock in love”. Ma adesso la cara vecchia Yoko (oggi ha la bellezza di 82 anni) è uscita di senno….

Joanna Rakoff e il suo anno con J.D. Salinger

Joanna Rakoff e il suo anno con J.D. Salinger
PrintFriendly and PDF

Facciamo che siete devoti a J.D. Salinger. Facciamo che siete dei romanticoni e non rinuncereste mai alle descrizioni di una cangiante New York nel bel mezzo degli anni Novanta. O, parlo alle signore, facciamo che vi siete immedesimate così tante volte in Andy Sachs, l’assistente trafelata di Miranda Priestly ne “Il diavolo veste Prada” da desiderare un’altra icona, magari stile Sylvia Plath ai tempi dello stage a Mademoiselle. Se per una ragione qualsiasi vi siete sentiti chiamati in causa, allora “Un anno con Salinger” di Joanna Rakoff (Neri Pozza, traduzione…

Primo amore e altri affanni di Brodkey: l’epica dell’animo umano

Primo amore e altri affanni di Brodkey: l’epica dell’animo umano
PrintFriendly and PDF

L’epica dell’animo umano. I sentimenti nelle pagine, ineffabili eppur magicamente resi. Avete mai letto “Primo amore e altri affanni” di Harold Brodkey? Se la risposta è no, è ora di innamorarvi di questa raccolta, apparsa per la prima volta nel 1958 in America e riproposta nel 2011 in Italia da Fandango libri, traduzione di Grazia Rattazzi Gambelli e Sandro Veronesi. Quando il libro fa la sua comparsa, Broadkey era già considerato il Proust americano. Il New Yorker gli aveva pubblicato decine di racconti, uno più bello dell’altro. “Una sera di…

Felicità è anche bere un caffè al solito bar

Felicità è anche bere un caffè al solito bar
PrintFriendly and PDF

Qualcuno sostiene che possiamo cercare la felicità per mari e per monti e non trovarla mai. La possiamo cercare in Provenza, nei Paesi Bassi, in America o in Africa. Possiamo frugare nei cassetti, sotto i tappeti, interrogare lo specchio o la luna, scomodare i Santi, se necessario. Possiamo andare e guardare in ogni dove, ma invano, perché l’unica cosa sensata da fare sarebbe guardare dentro di noi. “La felicità non è altro che il profumo del nostro animo” diceva Coco Chanel. Se non intendiamo la felicità come un modo di…