E-mailing: nell’era dei social ha ancora senso?

e-mail-logo-
PrintFriendly and PDF

Mettiamo il caso decidiate di linkare questo post ad un vostro amico. Glielo inviereste tramite e-mail? o vi affidereste senza pensarci ai social network? La riflessione nasce da un articolo, di Jeff Sonderman pubblicato su Poynter, che ragiona sulla sopravvivenza dell’e-mail nell’era della condivisione smodata. I social network, infatti, sembrano aver surclassato l’e-mail. Le informazioni viaggiano ogni giorno su link sparati sulle pagine Facebook , o attraverso tweet di 140 caratteri.

Lo zoccolo duro che resiste

Politica, cultura, curiosità: tutto passa dalla condivisione on line. Tuttavia, permangono attività estranee alle dinamiche dei social. Se ad esempio state cercando un hotel per le vacanze, è raro che alla fine della ricerca vi affidiate ai social network per rendere partecipe vostra moglie o un vostro amico del lavoro appena svolto. È quasi sicuro che accederete alla casella di posta e linkerete ai risultati della ricerca nel corpo del messaggio. Forse utilizzerete i messaggi privati (in voga quelli su Facebook), ma è da escludere che linkiate direttamente dalla vostra Timeline fb (se è così probabilmente non badate troppo alla vostra privacy) .

Al di là della privacy e delle ricerche e-commerce, l’e-mail funziona quando avvertiamo la necessità di catturare da subito l’attenzione del nostro interlocutore, senza il rischio di un inabissamento delle informazioni. La babele dei link è una realtà in cui i dettagli importanti, talvolta, rischiano di passare sotto silenzio.  Ad ogni modo, la tutela della sfera privata non è una dinamica solo personale. Anche le aziende (in qualunque forma giuridica) proteggono con i denti un nocciolo di informazioni separato dal movimento quotidiano su siti e social network. Ci sono circolari informative, dati riservati, notizie interne che difficilmente vedrete circolare su Facebook o su Twitter. L’e-mail è uno strumento di comunicazione generale utilissimo, che, proprio come sostiene Sonderman, convive con le altre,  conservando una fetta di utilizzo ben precisa.

E voi che ne pensate?

Be Sociable, Share!

    Related posts

    Leave a Comment