La faccia della felicità

notte stellata van gogh
PrintFriendly and PDF

Le tasche. Era vero. Se l’uomo non avesse le tasche, si sentirebbe troppo solo.

(Silvio D’Arzo)

Di che cosa abbiamo bisogno per essere felici? Sicuramente la salute. E poi?

Te lo chiedi quando il cuore vacilla di gioia davanti a un paesaggio di luci sparse all’orizzonte, là, oltre la spiaggia, dove lo sguardo si distende e i pensieri seguono il ritmo sereno delle onde marine. Te lo chiedi in una notte qualunque, sotto un cielo affastellato di stelle. Una notte cilentana, fuori paese, fuori da te. Una notte foriera di odori, di sensazioni esplosive, col mondo che entra tutto in una mano e non lo credevi possibile. Una notte che anticipa l’estate, di spazi da attraversare e bottiglie da stappare. Notte febbrile che festeggia la vita, l’amore, anche se, lontano, questo pensiero appare quasi un insulto. Ma te ne freghi, almeno stavolta, e pensi che se la gioia ha un volto è il Suo ed ha gli occhi giganteschi e nerissimi.

 (Maggio 2012)

Be Sociable, Share!

    Related posts

    Leave a Comment