La pecora nera su Babelit

logo Babelit
PrintFriendly and PDF

Amici, sono contenta. Un racconto a cui tenevo tanto e che ha trovato una ragione di più, oltre l’idea, nel contest letterario di Babelit, ha passato la prima selezione.

Qui per leggere il racconto

Che cos’è Babelit?

Un contest che tenta di dare voce agli immigrati che vivono in Italia o agli Italiani che vogliono raccontare una storia di integrazione. L’obiettivo è avvicinare, attraverso il racconto, culture diverse.  Possono partecipare al contest gli under 35 non vincolati da contratto con la Siae.  Si partecipa caricando il racconto on line.

Nel dettaglio

Babelit è un’iniziativa promossa dalla Fondazione Unipolis, nell’ambito del proprio progetto culturability, e da Bottega Finzioni, il laboratorio di narrazione e scrittura di mestiere fondato a Bologna da Carlo Lucarelli, Giampiero Rigosi e Michele Cogo.

Il contest si avvale di importanti collaborazioni: la casa editrice e centro studi Baskerville, l’ong COSPE – Cooperazione allo Sviluppo dei Paesi Emergenti, la rivista Internazionale e l’agenzia di comunicazione TheHookCom.

Gli scritti non dovranno superare le 6.000 battute (spazi inclusi). I partecipanti potranno, in maniera facoltativa, inviare delle foto a corredo del testo e segnalare un link a video pubblicati su Youtube o Vimeo. I testi arrivati saranno a sottoposti a un primo giudizio per valutare se rispettano regolamento e tematica del contest; quelli dichiarati ammissibili saranno pubblicati entro breve su questo sito nella sezione ‘I Racconti’.

Una commissione di autori ed esperti effettuerà poi una valutazione di merito dei testi ammissibili, selezionando i 15 migliori racconti che verranno inseriti in un e-book pubblicato dalla casa editrice Baskerville. Tra questi, la stessa commissione sceglierà un autore a cui verrà assegnata una borsa di studio annuale per i corsi 2014 di Bottega Finzioni.

 

 

Be Sociable, Share!

    Related posts

    Leave a Comment