Mettete musica nelle nostre stazioni: richiesta per un umore collettivo dignitoso

musica-vintage
PrintFriendly and PDF

È un pezzo che ci penso: immaginate come sarebbe divertente e distensivo se in tutte le stazioni ferroviarie trasmettessero musica dagli altoparlanti. Decine e decine di pendolari, tra lavoratori e studenti, italiani o stranieri, sorpresi da una programmazione musicale degna del miglior corso di PNL. Rock, pop, colonne sonore, qualche novità. Ci vedo: appesi al chiodo gli auricolari, eccoci a canticchiare i pezzi di sottofondo, a gasarci, magari a sorridere. Una canzone che ci piace influisce sulla produzione di dopamina, l’ormone della felicità. Non sarebbe straordinario? Ma se la felicità collettiva non fa parte dei programmi, allora dobbiamo per forza escogitare un sistema per non perdere la forza, la concentrazione, il desiderio di esserci, di fare. È dura vero?

E visto che non metteranno musica nelle nostre stazioni (almeno a Napoli c’è un pianoforte e il pomeriggio sul calar della sera il suo suono male non fa, dalle vostre parti non so), disporre di una playlist personale può essere utile. Ecco la mia da qualche giorno a questa parte. W la musica.

AlizeeJ’en ai marre 

Asaf AvidanDifferent Pulses 

David BowieStarman 

Patty PravoStrada per un’altra città 

MinaCittà vuota 

Eric CarmenHungry Eyes

Led ZeppelinAll my love 

Pino Daniele Voglio di più 

StromaeTous les memes 

The SmithsSome girls are bigger than others 

Janis JoplinMaybe 

Depeche Mode It’s no good 

Fleetwood macDreams 

Be Sociable, Share!

    Related posts

    Leave a Comment