Prima e dopo

fiori-di-primavera
PrintFriendly and PDF

Che esistano un prima e un dopo lo sappiamo tutti. Marcano la storia comune, quella che studiamo sui libri, ed esistono nel nostro animo, nelle nostre esistenze, con i contorni molto più sfumati, molto più relativi. Accade anche a me. Esiste un prima: prima di incontrarti, prima di conoscere l’amore, prima di collegarmi con la parte migliore di me, prima di sapere che con la persona giusta accanto anche le cose peggiori sembrano sopportabili. Ed esiste un dopo: dopo che mi hai amato, dopo che mi hai attraversato, dopo che mi hai lasciato. Oscillo tra queste due sfere temporali, salgo e scendo da un’altalena emozionale e il magone a volte si perde dentro, altre mi piega in due. Ho riletto il libro che meglio di tutti, già quando niente lasciava presagire questo assurdo presente, condensava la summa dei miei sentimenti. Il libro in questione è Breve come un sospiro di Anne Philipe, scrittrice. Nelle pagine Anne si rivolge al suo grande amore, strappatole da una malattia nel fiore degli anni e della loro vita insieme. Gli dice che era il collegamento migliore con la vita e anche lei avverte forte la delimitazione tra un prima e un dopo. Prima è vita, dopo è morte. Prima è noi, dopo è io, io, io, io, io.

Be Sociable, Share!

    Related posts

    Leave a Comment