Riflessioni di un giorno che fu

Otranto_nostalgia
PrintFriendly and PDF
31.08.2012
Stasera, davanti al baluginio del faro della porta d’Oriente, finisce la mia estate. Un’estate lunga una settimana, bella, che mi ha ubriacata di mare, di vento e di sole. L’odore di una terra che non deve cambiare è capace di spalancarti il cuore e inebriarti di vita, fino a tremare di gioia, tanto che vorresti naufragare qui. La luce intermittente illumina a tratti i tetti delle case bianche, le strade, gli scorci del centro storico e la spiaggia. Scrivo ora per la prima volta dopo sei giorni. Ora, che anche l’ultima cena è andata, e la luna rossa veglia sugli spiriti allegri e ancora ebbri.
Be Sociable, Share!

    Related posts

    Leave a Comment