Adel

Adel

Che cosa vede un bambino con gli occhi grandi e neri dal finestrino di un treno che va? Siede di fronte a me il piccolo. Si chiama Adel. Indossa una tuta e accanto a lui c’è suo padre. Con loro anche la sorellina e la madre giovanissima. È un momento qualunque di un giorno qualunque. Il bambino alita contro il vetro e traccia segni sulla condensa. L’umanità di questa porzione di mondo non gli rassomiglia. Né a lui, né a sua sorella con gli stessi occhioni, né a sua madre…