Tenere un diario: la scrittura come antistress

Tenere un diario: la scrittura come antistress

In principio c’era Bridget Jones, la trentenne più imbranata degli anni Novanta, nata dalla penna di Helen Fielding. E c’era quel suo diario, viatico per un’esistenza spumeggiante e memorandum per gli errori (sbronze, figuracce, cotte) da non ripetere più. Non è un caso che Brigette metta a ferro e a fuoco le sue giornate scrivendo. Lo dicono tutti gli esperti: se cerchi la felicità, ma non sai ancora dove si nasconda, devi tenere un diario. Che si tratti del classico taccuino con tanto di lucchetto o di un file nascosto…