La signorina M. e la mossa del gatto

La signorina M. e la mossa del gatto

Ero in centro a zonzo per spese quando ho incontrato la signorina M. che camminava con l’aria di un pulcino maltrattato. «Ehilà!» «Tesoro, ciao» risponde senza entusiasmo. «Uau, che vitalità! Signorina M., che cos’è quest’atteggiamento fiacco?». «Niente di grave, chérie. È una sciocchezza». La guardo con sospetto arricciando le labbra. Quella stringatezza non preannuncia niente di buono, così le propongo di venire a casa mia. «Ok, facciamo così: vieni da me. Ti preparo uno spritz e mi racconti tutto». «Mmm, non sarebbe possibile un po’ di tè, magari fruttato?». Sorrido e…