Tutta colpa di Brett Ashley

Tutta colpa di Brett Ashley

“Al diavolo le donne, comunque. E al diavolo soprattutto tu, Brett Ashley” pensò Jake Barnes, protagonista e narratore di “Fiesta”, (primo successo di Hemingway, 1925, Parigi) chiuso nella sua stanza, mezzo ubriaco, in Spagna, durante la fiesta di San Fermin. Già, Bret. Sempre lei, col suo caschetto, il sorriso cosmico e la proverbiale eleganza inglese. Bret, che se saltava una cena o una bevuta con gli amici, pareva mancassero all’appello almeno sei persone.