Dacia Maraini: “Amo le parole e mi ci immergo”

Dacia Maraini: “Amo le parole e mi ci immergo”

È tra le autrici italiane più tradotte all’estero e nel 2012 la Fondazione Campiello l’ha insignita del Premio alla carriera per il suo contributo alla cultura italiana. Eppure, tutto questo non basta a spiegare per intero la sua levatura. A fare di Dacia Maraini la signora della letteratura è la propensione al viaggio, all’incontro con gli altri (giovani e studenti in primis, tanto che l’Università di Perugia le ha conferito la laurea in Scienze della formazione). Una specie di missione socio-culturale la sua, contigua all’atto di scrivere, necessario e vitale. La divulgazione letteraria è stata per lei…