Questa è la mia stagione: della primavera, un libro e una canzone

Questa è la mia stagione: della primavera, un libro e una canzone

È la mia stagione, la primavera. Napoli crepita, avvolta in un’aria frizzante, forse a tratti stantia, dopo l’inverno che ghiaccia i pensieri e prima dell’afa che leva il respiro e consuma. La mia collega preferita se n’è andata e io sono più triste. Lo sapevamo che sarebbe rimasta appena sei mesi, ma uno mica può evitare di affezionarsi alle persone solo perché questa società ci vuole mobili, liquidi e invisibili? Tra i ricordi c’è pure Modena, evasione di un fine settimana, con la scusa di stare un poco con la…